Dormiva benissimo, ma all’improvviso ha iniziato a svegliarsi ogni ora. Adesso è più difficile di quando era un neonato” .

“Tutto è iniziato a circa 3-4 mesi. Non so cosa fare “.

La temuta “regressione del sonno dei quattro mesi” ha colpito.

Vediamo se posso aiutarti a capire cosa sta succedendo al sonno del tuo piccolo.

Cos’è la regressione del sonno dei quattro mesi?

A circa 3-5 mesi di età, i nostri bambini passano dalle fasi neonatali del sonno a fasi del sonno più adulte.

Le evidenze scientifiche:

Le fasi del sonno si uniscono in “cicli del sonno”. Questi cicli durano 60 -120 minuti durante la notte. Alla fine di ogni ciclo si verifica un mini “risveglio”. (Sì, noi “ci svegliamo” dalle cinque alle otto volte a notte. Questo è il modo in cui il nostro corpo verifica che siamo, in effetti, al sicuro. Tu ed io siamo diventati così bravi a rimetterci a dormire dopo questi mini risvegli che quasi non ci ricordiamo di eserci svegliati.)

Come si applica ciò ai bambini?

Intorno ai 3-5 mesi di età, il bambino attraverserà dei cicli di sonno e alla fine di 60, 90 o 120 minuti ogni notte, il suo corpo lo porterà a risvegliarsi leggermente. Verificherà che tutto vada bene e che l’ambiente circostante sia invariato.

Se stai facendo fatica, sappi che non hai fatto niente di male. Anche il migliore dei dormiglioni può combattere durante questo periodo.

E se il tuo bambino viene cullato o allattato per addormentarsi?

Diamo un’occhiata a questo scenario: il bambino si è addormentato tra le braccia della mamma e poi è stato messo nella culla, una volta profondamente addormentato. Dopo circa 60, 90 o 120 minuti, si sveglia e capisce di non trovarsi nello stesso posto in cui si è addormentato. Indovina cosa dirà il suo corpicino durante il check-in: “Ehi, non è giusto! Questo è un posto diverso. Ero tra le braccia della mamma quando mi sono addormentato. Dove sono adesso? In questa orribile e terribile culla! WAAAAAA! Mamma, vieni a prendermi. ” (Puoi biasimarlo? E se ti addormentassi nel tuo letto e ti svegliassi qualche ora dopo in un letto diverso? Non saresti confusa anche tu?).

I nostri corpi, durante i risvegli, si aspettano di trovare lo stesso ambiente che hanno lasciato in fase di addormentamento.

Quindi, cosa fanno le mamme quando i bambini piangono durante la notte?

Bene, supponiamo che i piccoli abbiano fame, quindi li nutrono e loro si riaddormentano. Ora, sono entrati in questa nuova fase di cicli del sonno, quindi una o due ore dopo, sono di nuovo svegli. Ci convinciamo che devono avere uno scatto di crescita. Offriamo nuovamente il latte. Quindi 1-2 ore dopo … di nuovo svegli! Dopo alcune notti i loro piccoli corpi si saranno abituati e avranno bisogno del seno o di essere cullati per di tornare a dormire, perché è così che si sono addormentati dopo ogni risveglio.

Questo è l’inizio di notti insonni!

Aggiungiamo alcuni cambiamenti legati allo sviluppo:

Durante i primi 3- 4 mesi i bambini diventano sempre più consapevoli del mondo che li circonda. Durante il giorno, notano improvvisamente il fratello maggiore che gioca con le macchinine, il cane che corre per la stanza, la luce del nostro cellulare che lampeggia e altri eventi emozionanti nell’ambiente che prima erano solo rumori di fondo. Tutte queste cose sono WOOOW, più interessanti che mangiare. Questo mondo così eccitante li distrae e li porta a mangiare meno!

Abbinalo a tutte le poppate extra che il bambino ha ricevuto la scorsa notte e non c’è davvero motivo di mangiare molto oggi. Giusto?

Quindi, indovina cosa succederà questa notte? Si sveglierà ogni 1-2 ore secondo i nuovi cicli del sonno, e avrà veramente fame perché non ha mangiato molto durante il giorno. Questo crea un ciclo di veglia notturna con più poppate, dovute al fatto che di giorno il piccolo ha mangiato meno del solito.

Questo si chiama “ciclo inverso”.

Osserva il cambiamento nei cicli del sonno dai 3 ai 4 mesi di età. Preparati, ma non spaventarti!

  • Al momento di coricarsi, metti tuo figlio ancora sveglio nel lettino. Se credi che non ne sarà capace, possiamo parlarne insieme, ti aiuterò a capire come fare!

Le tue notti non devono più essere estenuanti.

  • Mantieni un’alimentazione adeguata durante il giorno. Continua a offrire da mangiare ogni 2,5-3,5 ore durante il giorno, in base ai segnali di fame di tuo figlio.

Ti piacciono i miei post? Iscriviti alla mia newsletter:

.

Scrivi un tuo pensiero