Viaggiare può essere un piacere o un’avventura emozionante.
Tuttavia, se viaggi con un bambino, spesso “vacanza” può sembrare più “lavoro”!
Vorrei condividere con te alcuni consigli nel caso in cui tu sia preoccupata del sonno di tuo figlio in vacanza:

1. Inizia con un bambino ben riposato.

Ancor prima di viaggiare, abbiamo mille cose da preparare. Questo può rendere frenetiche le tue giornate e interferire anche con il sonno del tuo piccolo.
Fai del tuo meglio per proteggere il tempo dedicato al sonno del tuo bambino prima del viaggio in modo da non iniziare la vacanza con un deficit di sonno. Un bambino troppo stanco rende quasi sicuramente un viaggio difficile.

2. Organizza gli alloggi con cura.

Se il tuo bambino è abituato a dormire nel suo spazio a casa, vorrai PROVARE a mantenere questa abitudine in vacanza. La condivisione della stanza può portare a notti difficili se il bambino non è abituato a condividere il suo spazio.
Se alloggi in un hotel, prova a prenotare una camera con una zona soggiorno separata o una camera adiacente. So che questo non è sempre fattibile, anche il bagno della tua camera d’albergo funziona bene, purché abbia un sacco di spazio e una circolazione adeguata!
Se starai con amici o familiari, anticipa loro la possibilità di alloggi separati per te e il bambino.
Mantenere lo spazio per dormire del tuo bambino è lo scenario migliore per assicurarsi che TUTTI abbiano una buona notte di sonno! Se opzione non è fattibile, prova a creare una barriera, o almeno una distanza considerevole, tra il tuo letto e quello del bambino.

3. Ricrea la camera da letto del bambino.

Cerca di replicare il più possibile il normale ambiente notturno del tuo bambino.
Se la usi porta con te la macchina per i rumori bianchi, una coperta speciale, molti ciucci, sacco lenzuolo, non dimenticare il doudou.
Se alloggi in un hotel, puoi richiedere una culla.
Alcuni bambini dormono molto bene in unlettino da campeggio. Fai una prova a casa prima della partenza, famigliarizzare a casa propria con il lettino può rendere più facile il suo utilizzo in vacanza.

4. Mantieni la routine della buona notte.

Una routine familiare prima della nanna abitua il cervello del tuo bambino a rendersi conto che il sonno è imminente. Se di solito fai un bagno, fai un mini massaggio, allatti e poi leggi un libro prima di metterlo nella culla, continua a farlo mentre viaggi. Questa serie prevedibile di eventi gli ricorda che sta arrivando l’ora di andare a letto, anche se l’ambiente circostante è leggermente diverso o se l’ora della nanna è più tardi del solito. La coerenza in questa routine è fondamentale.

5.  Fare un buon sonnellino al giorno.

Durante i viaggi, spesso cerchiamo di mettere insieme quante più attività possibili. Sfortunatamente, il tuo divertimento attentamente pianificato può trasformarsi in un disastro assoluto con un bambino irritabile e stanco. Se il tuo bambino fa più di un pisolino al giorno, prova a fare un pisolino mattutino in hotel (o nella casa in cui alloggi). Mentre tuo figlio riposa goditi un momento di relax e tranquillità.
Iniziare la giornata con un buon riposo, può consentire a futuri pisolini di avvenire nel seggiolino auto, tra le braccia della nonna o nel passeggino.

6. Infrangere un po’ le regole.

Se a casa sei stata sempre coerente con il sonno del tuo bambino, ora è il momento di lasciarsi un po’ andare. Rilassati e divertiti; goditi il tuo tempo in famiglia, non stressarti su quanto sta dormendo o non dormendo tuo figlio. Questo è un periodo di breve durata, il tuo bambino tornerà in pista quando tornerete a casa.

7. Quello che succede in vacanza resta in vacanza!

Qualunque cosa sia successa durante il viaggio, resta lì. Una volta a casa, torna alla normale routine.
Buon viaggio!

Ti piacciono i miei post? Iscriviti alla mia newsletter:

.

Scrivi un tuo pensiero