Forse hai sentito alcuni genitori vantarsi che i loro figli “dormono tutta la notte”. Questo non accade a casa tua e ti stai chiedendo cosa che cosa ci sia che non vada.

Tuo figlio sembra avere il sonno leggero. Si agita facilmente di notte e (quando le cose si fanno davvero difficili) sembra in grado di svegliarsi ogni ora.
O forse hai un figlio più grande e ti chiedi perché continua a svegliarsi nel cuore della notte.
Una condizione medica sta causando questi risvegli? È possibile. Come noto, ci sono condizioni – come l’apnea ostruttiva del sonno e il reflusso gastroesofageo – che possono innescare i risvegli notturni.
Ma è importante capire che i risvegli notturni sono una caratteristica normale di un sonno normale e sano.

Nessuno veramente “dorme tutta la notte”, non se intendiamo con questa frase “dormire continuamente in un unico, lungo, ininterrotto tratto”.

Quando gli scienziati monitorano le persone che dormono in laboratorio, utilizzando l’elettroencefalogramma (EEG), confermano che il sonno non è uno stato monolitico.
Invece, attraversiamo una serie di fasi del sonno (tra cui sonno leggero, sonno profondo e REM). E le eccitazioni corticali – transizioni in una maggiore veglia – sono comuni.

Quanto è comune?
In uno studio condotto negli Stati Uniti, i ricercatori hanno utilizzato l’elettroencefalogramma (EEG) per misurare il comportamento del sonno di 76 adulti sani di età compresa tra 18 e 70 anni. In tutte le fasce d’età, i dormienti avevano in media da 80 a 130 eccitazioni in una sola notte (Bonnet e Arand 2007).
Per essere chiari, le persone non si svegliano “completamente” ogni volta che sperimentano un’eccitazione corticale. Spesso passano dal sonno profondo al sonno leggero. O dalla fase REM al sonno leggero.
Ma una volta che siamo in un sonno leggero, siamo facilmente risvegliati. E gli studi EEG confermano che molte eccitazioni provocano il nostro risveglio “fino in fondo”.
L’adulto medio può sperimentare più di 20 di tali risvegli ogni notte – e più di 40 risvegli notturni dopo i 50 anni (Bonnet e Arand 2007).
Non ricordiamo tutti questi risvegli perché la maggior parte sono molto brevi. Riprendiamo rapidamente a dormire e non formiamo traccia di memoria.
Ma cosa succede se qualcosa attira la nostra attenzione durante questi fugaci momenti di coscienza? E se sentiamo qualcosa? E se pensassimo a qualcosa che ci preoccupa o ci stimola?
Invece di addormentarci, diventiamo più vigili, più attenti. Volontariamente o involontariamente, finiamo per trascorrere molto tempo svegli.

Quindi ogni normale, momentaneo passaggio alla veglia ha il potenziale per diventare un episodio di insonnia. Ed è questo scenario – rimanere vigili per un lungo periodo di notte – che potresti voler evitare.
Se credi che i risvegli notturni siano intrinsecamente negativi, è più probabile che ti senti stressato quando ti rendi conto di esserti svegliato di notte. Questo rende più difficile riaddormentarsi.
È anche più probabile che trasmetti sentimenti negativi a tuo figlio, rendendo più difficile per tuo figlio riaddormentarsi.
E, a lungo termine, è più probabile che tu abbia difficoltà croniche di sonno.

Risvegli notturni senza conflitti: i bambini possono svegliarsi senza renderti infelice

Ricordi quei genitori che si vantano di cui abbiamo parlato prima? Quelli che affermano che i loro bambini dormono tutta la notte?
A rigor di termini, si sbagliano. I loro bambini si svegliano di notte, proprio come tutti gli altri. Ma c’è una differenza importante.
Questi bambini non svegliano i loro genitori.
Pertanto, i genitori sbagliano a credere che i loro bambini non si svegliano. Ma dicono il vero quando segnalano una mancanza di interruzioni del sonno.
E se stai pensando, “questo non sono io – so sempre quando il mio bambino si sveglia!” pensa di nuovo. Uno studio recente, condotto su una popolazione urbana occidentalizzata, suggerisce che i risvegli notturni “nascosti” sono piuttosto comuni.

I ricercatori hanno misurato il sonno in due modi: (1) adattando i bambini a sensori e (2) chiedendo ai genitori le loro impressioni soggettive. C’erano più di 200 bambini in totale e i dati sono stati raccolti nelle case dei bambini, per cinque notti.

I ricercatori hanno documentato molti risvegli notturni. Ma quando hanno confrontato le loro misurazioni oggettive con i rapporti soggettivi dei genitori, c’è stata una grande discrepanza.
I bambini si svegliavano più spesso di quanto i loro genitori pensassero. I bambini si sono svegliati spontaneamente, sono rimasti relativamente tranquilli e si sono riaddormentati da soli – i loro genitori non sono stati più saggi  (Tikottzky e Volkovich 2019).

Quindi i risvegli notturni non innescano inevitabilmente problemi di sonno. Le persone possono sentirsi riposate nonostante il risveglio notturno. E i genitori non sono sempre infastiditi dai risvegli dei loro figli. È solo quando un bambino non riesce a riaddormentarsi da solo – e i genitori sperimentano gravi interruzioni del sonno – che percepiamo i risvegli notturni come problematici.

Perché i bambini si svegliano così spesso?

Primo, c’è l ‘”orologio interno” del bambino.

Immediatamente dopo la nascita, i bambini mancano dei ritmi circadiani. I loro cicli di sonno non sono sincronizzati con il ciclo naturale del giorno e della notte.

In secondo luogo, i bambini piccoli devono nutrirsi durante la notte.
Sono nati affamati. I loro stomaci sono piccoli. Devono riempire frequentemente i loro pancini per raggiungere il normale modello di crescita rapida durante le prime 8-12 settimane.

Terzo, i bambini hanno le loro fasi del sonno distintive.
Durante i primi tre mesi dopo il parto, i bambini trascorrono la maggior parte del loro tempo di sonno in una fase chiamata “sonno attivo”, si contraggono, si agitano e persino vocalizzano.
Questo può indurci a pensare che siano svegli. Quindi interveniamo e, così facendo, svegliamo li svegliamo. Abbiamo causato un risveglio notturno!
Metti insieme questi tre fattori e durante la notte avremo un sacco di veglia.

Come possiamo gestire i risvegli notturni nei bambini piccoli?

In una certa misura, dobbiamo semplicemente essere pazienti. Questi sono problemi di sviluppo. Ma ci sono alcune cose che possiamo fare per aiutare.

Ad esempio, quando si tratta di ritmi circadiani, possiamo esporre i bambini a potenti segnali ambientali. Questi aiuteranno i bambini a sintonizzare i loro “orologi interiori” più rapidamente.

E che altro?

1. Assicurati di non insegnare a tuo figlio a svegliarsi.
Se tuo figlio ti sveglia nel cuore della notte, cerca di mantenere la camera buia, tranquilla e calma.
Non vuoi che si trasformi in un evento sociale o in una sessione di rimproveri. Entrambi gli scenari aumenteranno la vigilanza di tuo figlio. E se accade ripetutamente, tuo figlio potrebbe imparare ad associare il risveglio a questi risultati. Stai addestrando tuo figlio a diventare attivo e vigile in risposta ai risvegli notturni!
2. Fai attenzione alle luci notturne e ad altre fonti di illuminazione: possono contrastare la sonnolenza naturale di un bambino
Le luci elettriche e i dispositivi elettronici emettono lunghezze d’onda che interferiscono con la produzione del corpo di melatonina, l’ormone del sonno.
3. Usa le routine della buonanotte e altre tattiche per aiutare tuo figlio a rilassarsi.
Se insegni ai bambini ad associare i loro letti alla sonnolenza e alla sicurezza, sarà più facile sistemarsi per dormire dopo un risveglio notturno. Per ulteriori informazioni, consulta il mio articolo sull’allenamento del sonno dolce.
Inoltre, dai un’occhiata a questi ai miei e alla mia guidasui suggerimenti per migliorare il sonno di tuo figlio
4. Parlate con il vostro pediatra di qualsiasi problema medico.
Una varietà di condizioni mediche può causare risvegli notturni. Questi includono
• asma (Fagnano et al 2011),
• dermatite atopica o eczema (Fishbein et al 2015),
• problemi alla vescica e bagnare il letto,
• reflusso gastrico o bruciore di stomaco (Lim et al 2018),
• mal di testa (Tran e Spierings 2013; Long et al 2010; Zarowski et al 2007; Carotenuto et al 2005), e
• apnea notturna.
5. Presta attenzione ad altre fonti di stress.
Lo stress e le ansie che provi durante il giorno possono avere un impatto sul sonno
Ad esempio, i bambini dormono peggi quando i loro genitori sono depressi (Ystrom et al 2017).
Provano più disturbi del sonno quando i loro genitori litigano (Rhoades et al 2012; El-Sheikh et al 2015).

I bambini sono come noi. Essere stressati durante il giorno causa problemi di sonno durante la notte. Quindi presta attenzione ai fattori di stress di tuo figlio. Riduci le fonti di stress e aiuta tuo figlio a far fronte.
7. Impara a gestire incubi e terrori notturni.
Sia gli incubi che i terrori notturni possono causare disturbi del sonno.
I bambini che hanno incubi di solito sembrano dormire. Potrebbero contrarsi; potrebbero sospirare. Ma di solito sono a letto, con gli occhi chiusi. E sono relativamente tranquilli. Quando si svegliano, potrebbero ricordare l’incubo.
Al contrario, i bambini che hanno terrori notturni spesso sembrano essere svegli. Potrebbero urlare, piangere o parlare. Potrebbero aprire gli occhi. Potrebbero sedersi o andare in giro.

Per ulteriori suggerimenti leggi la mai guida, troverai altre preziose informazioni per migliorare le tue notti e quelle del tuo bambino

Se hai bisogno di un aiuto perchè non sai come risolvere i problemi di sonno del tuo bambino puoi chiedere una consulenza personalizzata, troveremo insieme la strada giusta per ricominciare a dormire

 

Ti piacciono i miei post? Iscriviti alla mia newsletter:

.

Scrivi un tuo pensiero