Andare a nanna senza opporre resistenza

La mamma dice a Iacopo: “E’ ora di andare a letto.”

Correndo verso il salotto, Iacopo di due anni risponde “NO!”.

La mamma lo segue, supplicando: “È ora di andare a letto, tesoro. Dai.”

“No, mamma, no!” grida Iacopo mentre la mamma lo prende. Il corpo di Iacopo si irrigidisce e inizia a scalciare per liberarsi dalla sua stretta. Selvaggiamente, Iacopo dà dei calci a sua madre mentre lotta per liberarsi.

“Smettila! Vai a letto, ADESSO!”. Iacopo inizia a piangere forte mentre la mamma, fortemente esasperata, gli toglie i vestiti per fargli fare il bagno. Questa lotta di potere emotivo e fisico continua durante il bagno . Quando si mette il pigiama, quando lava i denti e termina bruscamente con un bacio simbolico.

Esausta e frustrata, la mamma procede giù per le scale sperando in un po’ di solitudine, solo per sentire: “Mamma, ho sete”. Sentendosi in colpa e tuttavia, ancora arrabbiata, la mamma risponde rapidamente portando l’acqua e dice: “Non voglio sentire un’altra parola. Buona notte!” La madre cammina giù per le scale dopo aver sbattuto la porta. Iacopo rimane rannicchiato sul letto, piangendo sul suo cuscino e la mamma si sente in colpa e frustrata.

Cambia prospettiva

Immagina di essere nel bel mezzo di un buon libro e il tuo coniuge dice: “È ora di andare a letto”. Nonostante la tua risposta, “No, non sono ancora pronta”, sei spinta su per le scale, i tuoi vestiti vengono tolti e sei costretta a fare il bagno. Considera come ti senti. Ti senti priva di rispetto, violata, arrabbiata, svalutata o controllata? Potresti pensare: “Sì, ma un bambino di due anni non si sente in questo modo – non è lo stesso, non è un adulto, inoltre, io sono il genitore”.

Ora, guarda questa stessa scena attraverso gli occhi di Iacopo. Noi genitori siamo abituati a guardare questa scena attraverso i nostri “occhi da adulti” e perdiamo l’opportunità di capire il punto di vista di nostro figlio.

È vero, il bambino non è ancora un adulto. Tuttavia è una persona, ha sentimenti ed è in una fase importante di crescita nel volere la sua indipendenza e sperimentare come far rispettare le sue scelte. Questo è l’inizio del suo essere un individuo – sta stabilendo la sua separazione dai genitori e sta esplorando le sue competenze e capacità.

Molte volte, per lui, andare a letto non è un problema, potrebbe essere pronto. Eppure sentirsi dire cosa fare e quando farlo fa nascere la sensazione di essere controllato.

Come reagiamo noi quando ci viene “ordinato” qualcosa allo stesso modo? Il problema diventa quello di voler controllare noi stessi e ciò che ci accade. In questa scena con Iacopo e sua mamma, Iacopo non si sente capito e intensifica la lotta. Inoltre, mentre la madre continua, Iacopo si sente non amato e respinto e la madre anche!

La nanna può essere un momento speciale tra bambini e genitori, poiché è naturale per noi desiderare vicinanza e contatto prima di andare a dormire. Spesso, tuttavia, i genitori sono stanchi della giornata trascorsa e quindi sono ansiosi di portare il bambino a letto il prima possibile in modo da poter trascorrere un po ‘di tempo in tranquillità. Ciò può indurre il bambino a sentire che i suoi genitori stanno cercando di “sbarazzarsi di lui”. Nella nostra storia della lotta prima di andare a letto, il desiderio di Iacopo di maggiore contatto e vicinanza si esprime desiderando un bicchiere d’acqua e “diventando banale”, il che si traduce in una maggiore tensione tra lui e sua madre e fa sentire entrambi feriti e respinti.

Quindi, considera queste domande:

Cosa voleva Iacopo? Ancora più importante, cosa vuole tuo figlio?

  • Dichiarare la sua indipendenza o senso di sé.
  • Sentirsi vicino o connesso con i suoi genitori.
  • Provare un senso di controllo su ciò che gli accade.
  • Sentirsi rispettato e ascoltato.

Come puoi, come genitore, dare a tuo figlio ciò che vuole e di cui ha bisogno e farlo andare a letto in modo tempestivo?

Rispetta le tue esigenze

Abbi cura di te durante il giorno in modo da non sentirti seccata e spaventata quando è ora di mettere a letto tuo figlio. Imposta l’ora di andare a letto di tuo figlio ad un’ora che ti consenta un po’ di solitudine e / o “tempo di coppia” con il tuo partner dopo che il bambino va a letto.

Entrambi i genitori devono far parte del rituale della buona notte

Andare a letto è più divertente e meno un peso quando entrambi i genitori partecipano.

Inizia il tuo rituale prima di coricarti

Elimina le attività che ecciterebbero il bambino, come ad es.fargli il solletico dai quarantacinque minuti a un’ora prima di metterlo a letto. Questo per evitare stress e lotte inutili.

Rispetta il suo senso del tempo

Dicendogli che l’ora di andare a letto è “tra 15 minuti”, consentigli quindi di completare una particolare attività prima della nanna.

Offri scelte anziché ordini

Tuo figlio avrà la sensazione di controllare ciò che gli accade quando gli vengono date delle scelte. Ad esempio, potresti dire “Vuoi che tuo padre ti aiuti con il bagno o lo faccio io?” Oppure “Vuoi indossare il tuo pigiama rosso o quello blu?” Oppure “Vuoi dormire con il tuo gorilla o il tuo gattino?”

Crea un rituale della buonanotte con l’aiuto e il consiglio di tuo figlio

Ad esempio, leggi una storia, coccole, dai a tre peluches un bacio, un abbraccio e lascia la stanza cantando una canzone. La routine è particolarmente importante per fornire un senso di sicurezza.

Crea vicinanza

Ad esempio: Parla di “Ricorda quando”, come “Ricordi quando siamo andati in campeggio e quello scoiattolo ha cercato di entrare nella nostra tenda?” O “Ricordo quando eri un bambino e amavi farti fare i grattni”

– Ascolta le sensazioni di tuo figlio rispetto alla giornata che ha trascorso

– Dì tre cose che ti piacciono. Inizia ogni affermazione con “Ciò che amo di te è …” e completalo con una cosa specifica che ami. Ad esempio, “Ciò che amo di te è il modo in cui hai contribuito a mettere a posto i tuoi libri”, o “Ciò che amo di te è il modo in cui la tua voce mi rende felice”.

Poni le seguenti domande che consentono a tuo figlio di condividere di più su se stesso:

  1. “Qual è stata la cosa migliore che ti è successa oggi?”
  2. “Qual è stata la cosa peggiore che ti è successo oggi?”
  3. “Qual è stata la cosa più sciocca che ti è successo oggi?”

Alcuni bambini possono parlare più liberamente con le luci spente. Cerca di scoprire ciò che è più incoraggiante per tuo figlio nel migliorare la vostra comunicazione.

Una volta che la routine della buonanotte è stata completata cerca di non parlare più. Il tuo bambino presterà più attenzione alle tue azioni rispetto alle tue parole. Inoltre, se continui, hai maggiori probabilità di entrare in una lotta verbale sull’andare a letto.

Se ti senti dire: “Non hai sentito quello che ho detto? Ti ho detto di andare a letto e che non avrei più parlato!” Smetti di parlare e agisci amorevolmente guidando il tuo bambino a letto. Potrebbe essere necessario riportarlo nella sua stanza più volte, in particolare all’inizio, perché i bambini mettono alla prova i genitori. Tuttavia, man mano che la settimana avanza, l’ora della nanna diventerà più piacevole sia per te che per il tuo piccolo.

Puoi rendere la buona notte un momento di nutrimento, vicinanza, comunicazione condivisa e divertimento. Coinvolgendo i tuoi figli nel processo decisionale e trascorrendo questo tempo speciale con loro, si sentiranno apprezzati e rispettati. Stabilendo dei limiti, otterrai il rispetto dei tuoi figli e costruirai la loro autostima.

Scrivi un tuo pensiero